Tropical Experience Travel Services - Viaggi nelle Filippine

tutti i colori delle Filippine, come li vuoi tu

 

Blog - Viaggiare con una guida nelle Filippine

Tutti i post.png

“Mi serve una guida per andare nelle Filippine? Oppure va bene fai-da-te?”. Molte persone si spaventano alla parola “guida” pensando di dover seguire in fila indiana una persona con l’ombrello in mano, che spiega un sacco di cose che non ci interessano veramente, senza avere il tempo di esplorare da sé quello che piace, perché tiranneggiati da programmi fittissimi.

Siamo coscienti di queste paure e dobbiamo dirlo, molti tour organizzati esattamente come detto sopra hanno rinforzato questo immaginario. Tuttavia, fortunatamente esistono anche guide munite di discrezione e tour personalizzabili, e noi spingiamo davvero molto su questo. Detto questo, passiamo in rassegna i principali motivi per cui pensiamo ti possa servire una guida durante il tuo viaggio nelle Filippine (cosa che noi forniamo in tutti i nostri tour). Ovviamente, questi non sono validi per coloro che hanno già lunga esperienza del paese.

  1. CONOSCERETE DAVVERO IL PAESE CHE VI OSPITA E LA SUA CULTURA

Lo sapete che i filippini ridono per motivi e in situazioni molto diverse da quelle per cui noi ridiamo?  E che le jeep, i principali mezzi di trasporto pubblico, non hanno né orari né fermate? Una guida vi può essere molto utile, perché ci vuole molto tempo per entrare davvero in contatto con la cultura locale. Si rischia altrimenti di arrabbiarsi parecchio e di ripartire senza aver capito granchè degli usi e costumi locali (o ancora peggio con la convinzione di aver compreso qualcosa che non si è invece capito). Una guida può anche essere la persona ideale per suggerirvi comportamenti ambientalmente e socialmente preferibili.

2.      NON AVETE MESI E MESI A DISPOSIZIONE

Sicuramente se si hanno 3 mesi a disposizione, si possono esplorare le Filippine e ci si può permettere di andare in un albergo “sbagliato” o di rimanere bloccati in una località per qualche giorno di troppo. Se si hanno una o al massimo due settimane, non è un rischio che si è disposti a correre, considerando anche la spesa che si affronta e il desiderio di vacanza. Ricordatevi che le Filippine sono composte da 7107 isole, molte delle quali disabitate: spostarsi potrebbe essere meno facile del previsto.

3.       VIAGGERETE CON MAGGIORE SICUREZZA

Se avete già dimestichezza con i cosiddetti “paesi in via di sviluppo”, saprete già che la sicurezza può variare in maniera estrema e perfino nel giro di 100 metri di cammino. L’aiuto di qualcuno che conosce già i luoghi o quantomeno il paese può rivelarsi un fattore rilassante ed evitare brutte sorprese.

4.       VIAGGERETE CON QUALCUNO CHE PARLA LA LINGUA LOCALE E…HA L’ASPETTO DI UN LOCALE (ESSENDO UN LOCALE)!

Le Filippine sono note per essere un paese dove l’inglese è molto diffuso, soprattutto se paragonate agli altri paesi asiatici. Tuttavia, questa conoscenza decresce drasticamente spostandosi da aree metropolitane o ad alto tasso di turismo verso aree più rurali, dove le vostre conversazioni in inglese si ridurranno su termini basilari e diverranno molto semplici. Ancora più basilari se anche il vostro inglese è zoppicante. Inoltre, rendetevi conto che il vostro aspetto fisico è inequivocabilmente diverso da quello dei locali, che potrebbero essere molto timidi nei vostri confronti. Nei casi peggiori, la vostra palese identificazione come turista vi potrebbe anche esporre a raggiri. Se non conosci l’inglese, noi offriamo anche servizio in Italiano.

5.       ELASTICITA’!

Avere una guida non significa dover seguire una griglia rigidamente prestabilita. Certamente, ci sono delle prenotazioni effettuate che sono fondamentali per il viaggio e degli orari che non si possono cambiare. Ma, se hai qualcuno sempre con te, puoi anche decidere di adattare l’itinerario su quello che più ti piace, fermarti quella mezz’ora in più nel mercato che ti attrae, coordinandoti con la guida per decidere se questo è possibile o no. Puoi anche adattare la tua gita giornaliera fra le isole inserendo quelle che ti piacciono di più e tante altre cose. Insomma, una buona guida può anche aggiungere avventura senza invadenza!

6.       SAPRETE COSA ORDINARE!

Dovendoti limitare ai posti turistici non è così improbabile che ti trovi a mangiare salmone grigliato (in un paese tropicale!) o una specialità locale al microonde. Oppure ti trovi nel “ristorantino tipico dove vanno solo i locali” che è già stato contemporaneamente consigliato dalla tua guida cartacea a un altro centinaio di turisti che sono già seduti agli altri tavoli . Nel peggiore dei casi, ti trovi a mangiare il risotto scotto per dieci volte il prezzo del ristorantino con delizie locali che non scoprirai mai. Affidarsi a qualcuno che ti aiuta a scegliere fra i piatti della vera cucina locale (quella Filippina è fra l’altro buonissima e variegatissima) è un vantaggio di non poco conto.

7.      POTETE TROVARE POSTI SPECIALI!

Puoi anche prenotare tutto quello che vuoi in anticipo, puoi anche startene collegato con lo smartphone e leggere blog vari. Ma, per quanto tu voglia fare un’avventura, troverai gite standardizzate oppure rischi di vedere inconsapevolmente l’1% di quello che potresti vedere di una destinazione. Chiedendo poi per strada o in albergo, hai buone probabilità di essere indirizzato verso qualche mega-centro commerciale identico a quello dietro casa tua. Una buona guida può invece indirizzarti verso i luoghi più genuini.

Cosa ne pensi? Abbiamo cambiato almeno un po’ la tua idea sul viaggiare con una guida?