Tropical Experience Travel Services - Viaggi nelle Filippine

tutti i colori delle Filippine, come li vuoi tu

 

Religione nelle Filippine

La chiesa di Paoay, patrimonio UNESCO nell'Ilocos Norte

La Moschea d'oro a Manila

Le Filippine: il più grande paese cristiano cattolico dell'Asia

La maggior parte dei filippini (92%) sono di fede cristiana. In generale, sono considerati cattolici e loro stessi si considerano tali.

Tuttavia, il 10% di questi cristiani aderisce a chiese protestanti o ad altri movimenti alternativi alla chiesa cattolica, fra cui Iglesia Ni Cristo, Avventisti, Evangelici e altri. Spesso le persone che frequentano le chiese protestanti non abbandonano la chiesa cattolica, dove continuano a ricevere battesimo e sacramenti. Tuttavia, preferiscono le celebrazioni (tipicamente domenicali) e le preghiere delle chiese protestanti.

La separazione fra Stato e Chiesa è scritta nella Costituzione delle Filippine. Allo stesso tempo, le Filippine sono famose come uno dei paesi cattolici più tradizionalisti, dove l'aborto è ancora illegale. Non solo, si tratta dell'unico paese al mondo (escludendo il vaticano) dove il divorzio è ancora proibito.

Essendo una popolazione di più di 100 milioni di persone, le Filippine sono il paese cristiano e cattolico più grande dell'Asia. Le Filippine e la molto più piccola Timor Leste, sono gli unici 2 paesi asiatici dove la maggioranza della popolazione è di fede cattolica.

La minoranza islamica

Il 5.6% della popolazione è mussulmana, come da dati ufficiali del 2010. Tuttavia altre fonti indicano i mussulmani come l'11% della popolazione totale delle Filippine (vedi Wikipedia). La maggior parte dei filippini mussulmani vive nella regione Mindanao, nella parte più meridionale del paese, e in maggioranza sono Sunniti. Prima dell'arrivo dei colonizzatori spagnoli, l'islam era più diffuso anche nel nord del paese e perfino prevalente nell'area della capitale Manila (che era sotto il controllo del Sultano del Brunei). Dopo l'arrivo dei colonizzatori - di fede cristiana - molti mussulmani si spostarono nel sud del paese. In ogni caso, i filippini mussulmani sono oggi anche presenti a Manila e in altre città del nord.

Religioni e tradizioni tribali indigene delle Filippine

Altre religioni indigene sono ancora praticate, soprattutto da alcuni gruppi etnici. Queste pratiche religiose erano predominanti prima dell'arrivo dei coloni spagnoli, che hanno poi imposto il cristianesimo ai locali. Gli storici spesso sottolineano come la conversione dei filippini al cristianesimo si sia svolta in modo piuttosto rapido. Tuttavia, non è facile quantificare quante persone seguano ancora le religioni pre-coloniali, dal momento che queste sono ancora presenti quantomeno in forma di tradizioni e costumi presso diversi gruppi tribali, soprattutto quelli localizzati lontano dalla vita urbana e in aree remote, che storicamente hanno peraltro avuto interazioni ridotte con i colonizzatori.

Un esempio famoso è quello della regione Ifugao, dove la maggior parte delle persone ha ufficialmente aderito al cristianesimo, tuttavia praticando ancora cerimonie e usanze tipiche delle loro religioni e credenze ancestrali. In particolare, con la reverenza mostrata tuttora al "Bulul", il guardiano del riso che è visto come un "dio del riso" o più propriamente rappresenta lo spirito protettore dei propri antenati. Le antiche tradizioni Ifugao sono studiate da molti antropologi e sono spesso considerate le più originali del paese.

Tali antiche tradizioni possono essere osservate visitando le antiche risaie terrazzate di Banaue.

Un "Bulul", guardiano delle risaie terrazzate di Banaue

Tradizioni cinesi e altre minoranze

La consistente presenza di famiglie di origine cinese ha preservato la presenza di minoranze che praticano il Taoismo e altre religioni tradizionali cinesi, così come il Buddismo (praticato anche da alcune persone di origini giapponesi).

Anche i filippini di origine cinese solitamente seguono il cristianesimo, che loro stesso hanno influenzato con i loro manufatti: basta guardare la foto poco sopra della chiesa di Paoay, costruita con tecniche in stile cinese (incluso un campanile a forma di pagoda!). Anche alcune statue religiose, come per esempio quelle rappresentanti la Madonna, sono a volte raffigurate con forma degli occhi tipicamente cinese.

Esistono poi anche altre religioni nel paese, tuttavia sono praticate da minoranze piuttosto ridotte (per esempio Hindi).

Si può quindi dire che la presenza di varie religioni delle Filippine riflette la variegata storia e il multiculturalismo del paese.

Un tempio buddista a Quezon City (Metro Manila)