Tropical Experience Travel Services - Viaggi nelle Filippine

tutti i colori delle Filippine, come li vuoi tu

 

Blog - Tradizioni tessili filippine: i tessitori di "nito" del villaggio Iraya-Mangyan a Puerto Galera

Tutti i post.png

La mia famiglia di solito passa sempre Natale e Capodanno al mare. Quest'anno abbiamo deciso di festeggiare con un soggiorno a Puerto Galera, nella provincia del Mindoro Oriental. A parte la presenza di bei mari e paesaggi, questa destinazione ha anche il vantaggio di essere facilmente accessibile da Manila, dove viviamo. Basta infatti un trasferimento in bus e poi in battello per raggiungere questa bella isola della parte meridionale della regione Luzon.

Una perfetta scena di vacanza: mio marito e i miei figili che giocano sulla spiaggia a capodanno (Talipanan Beach, Puerto Galera)

Talipanan Beach, Puerto Galera

Questa volta abbiamo deciso di scegliere un'altra spiaggia al posto della famosa White Beach di Puerto Galera (dove avevamo comunque già passato il Natale 5 anni fa). Abbiamo così scelto un piacevole piccolo resort di bambù localizzato fronte mare sulla spiaggia di Talipanan.

Dentro la nostra piccola confortevole stanza di bambù.

La Talipanan Beach è un'ottima scelta se si vuole un po' di pace e quiete, soprattutto rispetto alla più commerciale e festosa White Beach. White Beach in ogni caso è facilmente raggiungibile in poco tempo utilizzando i taxi "tricycle" locali quando si ha voglia di un po' più di azione.

La più quieta e pacifica Talipanan Beach, sempre parte di Puerto Galera.

 

Quando siamo arrivati, ho scoperto che il villaggio Mangyan si trova nello stesso Barangay ("quartiere") del resort dove ci trovavamo, per la precisione a circa 15 minuti di piacevole passeggiata. Questo villaggio fu costruito con il supporto di un filatropo allo scopo di aiutare la conservazione delle tradizioni culturali delle varie tribù locali. "Mangyan" è infatti un nome collettivo per 8 gruppi indigeni dell'isola di Mindoro (la settima isola più grande delle Filippine), ognuna delle quali ha un suo nome, lingua, scrittura, usi e costumi. 

Con i "miei ragazzi", a passeggio su una strada sterrata circondata dalla natura per raggiungere il Mangyan Village

Il Mangyan Village

Gli Iraya-Mangyans sono uno degli 8 gruppi indigeni del Mindoro Orientale. Sono molto conosciuti per la loro abilità nella tessitura "nito", un'arte unica che celebra le loro tradizioni e culture. Circa 100 indigeni Iraya-Mangyan vivono in questo villaggio ai piedi del Monte Malasimbo e penso che questa sia una meta immancabile se ci si aggira da queste parti.

L'arco all'entrata del villaggio che dà il benvenuto ai visitatori.

Circondati dalla natura! Queste case vicino al fiume sono costruite dalla comunità locale con nipa (una specie di palma) e bambù.

Fresca e naturale: una casa di nipa ai piedi del Monte Malasimbo.

Tracce di modernizzazione: queste case di nipa sono equipaggiate con tv satellitare e parcheggio per motorini!

Le ceste Nito

Il "nito" è una pianta rampicante comune nell'ambiente locale, che viene utilizzata per la creazione tradizionale e artigianale di ceste, vassoi e caraffe di differente design e dimensioni. Le creazioni si sono anche evolute con varie decorazioni moderne e accessori alla moda.

Contenitori e accessori vari fatti di nito.

Con questo materiale si possono creare piccoli contenitori, zaini, acchiappasogni, giare e portamonete, per esempio.

La tessitura è una delle fonti di reddito delle comunità locali – i loro prodotti artigianali sono ora in vendita anche presso città come Manila (li si possono trovare in piccoli negozi e occasionalmente anche in centri commerciali) e a volte sono anche destinati all'esportazione verso diversi paesi stranieri.

Alcuni dei loro oggetti esposti in vendita presso il villaggio. Ognuno dei piccoli stand è di proprietà di differenti famiglie o singoli artigiani e il nome del proprietario è leggibile sotto il soffitto.

Le fantasie sono variegate e riflettono la visione dell'ambiente locale del singolo artista, rappresentando spesso elementi naturali come foglie, alberi, animali e fiori. La maggior parte degli artigiani sono donne, mentre gli uomini partecipano soprattutto nella raccolta dei materiali nella foreste, tagliando e preparando i materiali naturali per poi essere lavorati. Mi hanno detto che ci vuole per esempio una settimana per finire un vassoio porta frutta e una giornata per finire di fare degli orecchini di 4 centimetri: tanto lavoro e passione vengono dedicati a un singolo pezzo!

Le mani di questa signora hanno fatto i braccialetti che ho acquistato!  Letteralmente dal produttore al consumatore! Mi piace questo modo personale di fare shopping.

Quest'altra signora ha invece fatto questi altri bellissimi oggetti! Mi ha assicurato che un giorno insegnerà anche alla sua bambina la sua arte.

La visita di questo villaggio è stata per me una meravigliosa esperienza educativa e senza dubbio un arricchimento personale. Mi è piaciuto poter fare shopping in modo personale. Così, il giorno successivo sono tornata per comprare ancora qualcos'altro! Chi mi conosce sa che amo i prodotti artigianali tradizionali delle Filippine, anche per quanto riguarda arredamento e vestiario. Quindi, ancora una volta, è il massimo per me poter apprezzare con i miei occhi il lavoro fatto a mano, così come è un piacere supportare la conservazione di questa bellissima forma d'arte che non sappiamo quanto a lungo verrà ancora tramandata.

Alcuni degli accessori che ho acquistato. Amo questi orecchini, il cerchietto e i braccialetti Ogni singolo pezzo è infatti unico!

Il pezzo forte del mio shopping! Ci vogliono 15 giorni per fare questa adorabile borsa a tracolla, grande e molto resistente.

Sono molto contenta che Puerto Galera ha anche altro oltre che spiagge e punti immersione. Passeggiare attorno al villaggio fra le cascate ai piedi della montagna e dare uno sguardo alla vita quotidiana degli Iraya è stata una pausa rinfrescante e interessante rispetto alla "solita" vacanza in spiaggia. Se andrete a Puerto Galera, assicuratevi di fare una visita presso il villaggio!

(scritto a maggio 2019)