Tropical Experience Travel Services - Viaggi nelle Filippine

tutti i colori delle Filippine, come li vuoi tu

 

Blog -  Tutto ma proprio tutto su Palawan, l'isola piu bella del mondo

Tutti i post.png

No, niente ritocchi. Foto con cellulare e via, lo splendore! (Foto: Tropical Experience)

Ora sapete perchè tutti vogliono andare a Palawan, la lunghissima isola delle Filippine occidentali, a cavallo fra l’Oceano Pacifico e l’Oceano Indiano.

LE DESTINAZIONI PRINCIPALI: PUERTO PRINCESA

Partendo da sud, la prima destinazione più famosa è Puerto Princesa, la capitale della provincia di Palawan. L’attrazione più famosa è il parco del Fiume sotterraneo di Puerto Princesa, un luogo magico considerato una delle 7 Meraviglie del mondo della natura. Nel video qui sotto abbiamo raccontato nel dettaglio di cosa si tratta. Buona visione!

A Puerto Princesa troviamo inoltre già un mare eccellente, quello della Honda Bay, che si può esplorare in barca facendo fermate fra isolette speciali come Cowrie Island, Luli Island e Starfish Island.

 

LE DESTINAZIONI PRINCIPALI: EL NIDO

Forse è la più famosa destinazione della provincia, è un po’ di motivi ci sono. El Nido è infatti il paradiso tropicale per eccellenza. I nidi delle rondini che popolano le cime delle enormi rocce della baia godranno sicuramente di una vista mozzafiato, ma voi potrete fare altrettanto anche solo dalla barca o arrampicandovi un po’ fra i roccioni locali. Lasciatevi letteralmente ammaliare dall’acqua splendida della Small Lagoon e della Big Lagoon (vedi video sotto). Lasciatevi sorprendere dalla segreta Hidden Beach, raggiungibile passando in un cunicolo nella roccia. Passeggiate sulla striscia di sabbia della Snake Island, che congiunge due isole con la sua sabbia bianca circondata da bellissimo mare tropicale.

 

Ci fermiamo qua, ma c’è molto, molto altro: a El Nido si possono passare tante giornate di avventura e puro relax senza mai annoiarsi. Date un’occhiata al video qui sotto, per farvi giusto una piccola idea.

LE DESTINAZIONI PRINCIPALI: CORON

Salendo ancora più a nord, si trovano ancora pezzi di paradiso scesi in terra. È così: a Palawan le sorprese non finiscono mai e varrebbe la pena visitare le Filippine anche solo per gustarsi questa provincia. A Coron, trovate due distinte attività. La prima è la scoperta delle grandi isole rocciose locali, dove si trovano lo splendido lago sacro Kayangan Lake e le maestose Twin Lagoons. In mezzo ad essi, piccole spiagge da sogno e ottimi punti per snorkeling e immersioni , grazie a una barriera corallina florida e anche alla presenza di alcuni relitti della Seconda guerra mondiale.

La seconda attività da fare a Coron, ma di altrettanta suggestiva bellezza, è l’escursione da isoletta a isoletta. Banana Island, Malcapuya Island e Bulog Island sono appuntamenti fantastici. Sono luoghi così belli che, anche se come è successo a noi dovesse rompersi la macchina fotografica, riuscireste a fare video e foto di impressionante bellezza anche solo con un cellulare (e neanche tanto avanzato). Vedere qui sotto per credere.

Abbiamo già detto che a Coron esistono pure delle splendide terme naturali all’aperto, dove coccolarsi dopo una giornata di scoperte? No? Ecco, ora lo sapete.

Una spiaggia nella baia di Bacuit, a El Nido. Relax! (Foto: Tropical Experience).

CHE TIPO DI VIAGGIO ASPETTARSI A PALAWAN

A Palawan si possono fare tanti tipi di viaggi diversi, sia che siamo sportivi oppure che cerchiamo soprattutto relax. Va comunque detto che non è propriamente una destinazione da semplice spiaggia & ombrellone. Il meglio ce lo si gode con le escursioni in barca alla scoperta dei luoghi più belli. Non c’è bisogno di nessuna preparazione fisica per godersi il meglio, le escursioni sono tranquille e piene di momenti per il relax. Avrebbe poco senso invece andare a Palawan solamente per starsene su una spiaggia locale, considerando tutta la distanza che percorreremo per raggiungere questi luoghi!

RESORT E ALBERGHI A PALAWAN

Spesso Palawan è descritta come un luogo a budget basso e ad alta necessità di adattamento, altre volte come una destinazione di lusso molto costosa. Sono veri entrambi i casi. La maggior parte degli alberghi sono piccole guesthouse a gestione locale. Alcuni di queste sono più pulite, piacevoli e funzionali, altre meno. A El Nido ancora manca l’elettricità per buona parte della giornata (ma è garantita negli orari serali quando si rientra dalle escursioni).

All’opposto esistono anche alberghi di lusso da prezzi molto alti, molto spesso proibitivi. La nostra opinione? Puntate più su un viaggio alla scoperta dell’isola piuttosto che svenarvi per rintanarvi in un resort a vedere sempre la stessa spiaggia.

Esiste una via di mezzo? Sì, esistono delle vie di mezzo e poco a poco stanno iniziando a svilupparsi strutture per viaggio a range medio. Questo tipo di strutture però sono ancora poche e la cosa migliore è prenotare con largo anticipo!

Entrata al Fiume sotteraneo. Che colori! Tutto vero, niente ritocchi! (Foto: Tropical Experience)

PERIODO MIGLIORE PER VISITARE PALAWAN

In tutte le Filippine la stagione “secca”, ovvero con meno precipitazioni, va più o meno da metà novembre fino a giugno. Si tratta di una suddivisione più che altro statistica, infatti ci sono tante persone che hanno fatto dei tour entusiasmanti con foto mozzafiato pure viaggiando a Palawan ad agosto.

Splendida spiaggia di Palawan a settembre (foto: Tropical Experience).

COME PRENOTARE UN VIAGGIO A PALAWAN

Se siete arrivati fino in fondo, significa che siete proprio determinati a fare questo viaggio alla scoperta di Palawan! Beh, ci sono tanti modi per farlo. Uno di questi è ovviamente dare un’occhiata ai tour sul nostro sito, cliccando qui. Poi, potete anche scriverci una e-mail a experiencetropical@gmail.com!

Qui trovate l’elenco dei nostri tour, diversi dei quali includono anche Palawan.

Qui ce n’è uno specificamente dedicato a Palawan, che copre tutte le destinazioni sopra menzionate.

I nostri tour sono organizzati sia per coloro che vogliono viaggiare per conto proprio, che per quelli che preferiscono essere accompagnati e guidati.

(scritto nell'agosto  2017)